Banda Ultra Larga, arrivata in 1500 comuni

26 febbraio 2018   /   Chiara Patitucci   /   industria 4.0, Innovazione, Notizie, Tecnologia   /   , , ,

Il progetto di Regione Lombardia ha l’obiettivo di arrivare a coprire, con la rete ultra veloce 1500, comuni in quattro fasi.

Esattamente saranno 1476 i comuni lombardi che potranno beneficiare della fibra ottica, con un servizio a 100 Mbps per la popolazione, per le imprese e per le sedi della Pubblica Amministrazione. Un servizio che coprirà ulteriori 52 comuni, per un totale di 700 mila unità immobiliari: è prevista una connessione a 100 Mbps per 200 mila unità, e a 30 Mbps per le unità rimanenti.

Il progetto è stato reso possibile grazie a un accordo per lo sviluppo della banda ultra larga tra Regione Lombardia e Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). Per aderire al progetto ogni Comune deve sottoscrivere, singolarmente o in forma aggregata, una convenzione con Infratel – società del Mise e stazione appaltante per la gara in Lombardia – non impegnativa dal punto di vista economico ma che comporta l’impegno ad agevolare i lavori e a semplificare l’iter burocratico per il rilascio dei permessi.

Lo stanziamento complessivo di fondi pubblici è pari a 450 milioni di euro, di cui 380 milioni stanziati dal Governo attraverso il Ministero dello Sviluppo Economico e 70 milioni stanziati da Regione Lombardia attraverso le risorse europee.

Proprio lo sviluppo della banda ultra larga è tra gli obiettivi dell’Agenda Digitale, il piano di digitalizzazione del Paese predisposto dal governo e dal Ministero dello Sviluppo Economico. L’Italia ha preso l’impegno di raggiungere, entro il 2020, gli obiettivi del secondo pilastro dell’Agenda digitale europea (DAE): Internet veloce e superveloce, ossia portare la connettività ad almeno 30 Mbps, assicurando che almeno il 50 per cento delle famiglie si abboni a connessioni internet di oltre 100 Mbps.

Le fasi di attuazione saranno quattro e prenderanno il via a sei mesi l’una dall’altra. I lavori sono già partiti per i primi 10 comuni, quelli definiti “pilota.

Ogni fase, a sua volta, si articola in tre step: trascorsi 60 giorni dalla firma del contratto l’aggiudicatario presenterà i progetti definitivi e, a seguito dell’approvazione di questi, potrà essere convocata la Conferenza dei Servizi (i progetti non saranno pubblicati online).

La buona riuscita del progetto è legata soprattutto alle tempistiche di rilascio dei permessi per l’installazione della fibra ottica. Lo strumento della Conferenza dei Servizi telematica, che interesserà tutti i soggetti coinvolti nel progetto ovvero Comuni, Province, Anas, Soprintendenze, Ferrovie, ecc., consentirà di acquisire entro 90 giorni tutte le autorizzazioni necessarie per dare avvio ai lavori.

Per maggiori informazioni, contattate i nostro esperti a questo link.

 

 

 

Fonte: Openinnovationlombardia

Commenti (0)

scrivi un commento

Commento
Nome E-mail Sito internet