Snaidero: i cinesi si tirano indietro

24 gennaio 2018   /   Antonio Del Furbo   /   Finanza, Mercati, Notizie   /   , ,

I cinesi, dunque, non hanno fatto la loro offerta e la famiglia Snaidero ha deciso che a entrare nel capitale dell’omonimo gruppo produttore delle note cucine sarà il fondo Idea CCRII. L’annuncio è arrivato ieri, dopo che i termini di presentazione dell’offerta sono scaduti lo scorso 21 gennaio.

Lo sviluppatore immobiliare, che secondo alcune fonti sarebbe Country Garden di proprietà della famiglia Yang Guoqiang, avrebbe inserito le cucine del gruppo friulano nelle abitazioni che va costruendo. Il pretendente cinese era rimasto alla finestra in attesa del termine del periodo di esclusiva che era stato concesso mesi fa sempre a Dea Alternative Capital Funds sgr, che stava allora strutturando il nuovo fondo Idea CCRII, specializzato come il primo in ristrutturazioni e rilanci aziendali.  E allo scadere dell’esclusiva, senza che fosse stato trovato un accordo con Snaidero, i cinesi erano tornati alla ribalta.

Intanto, però, l’sgr aveva siglato un’intesa con le banche creditrici di Snaidero (tra cui UniCredit, Mediocredito, Mps, Banco Bpm e Bnl BnpParibas) per acquisire il debito della società, che complessivamente ammonta a circa 25 milioni di euro, per un corrispettivo attorno al 65% del valore nominale.  Il tutto nell’ambito di un accordo con un gruppo di banche che hanno poi ceduto al nuovo fondo Idea CCRII i crediti non solo verso Snaidero, ma anche verso altre aziende, così come era accaduto in occasione del lancio del primo fondo.

 

Fonte: Bebeez

Commenti (0)

scrivi un commento

Commento
Nome E-mail Sito internet