GDPR, ovvero l’opportunità di riscatto per l’Italia

14 febbraio 2018   /   Antonio Del Furbo   /   industria 4.0, Innovazione, Notizie, Tecnologia   /   , , ,

Il conto alla rovescia è iniziato e mancano poco più di tre mesi alla data in cui le aziende e gli enti della Pubblica Amministrazione dovranno essere in regola con quanto stabilito dalla UE in materia di gestione e protezione dei dati sensibili.

Il Gdprossia il Regolamento generale sulla protezione dei dati (Regolamento UE 2016/679), implica una maggiore tutela delle persone fisiche e impone alle aziende di essere più responsabili nell’uso dei dati sensibili, con un impatto sulla gestione delle informazioni relative sia ai clienti che ai dipendenti. Dunque, il 25 maggio 2018 tutte le aziende ed enti della Pubblica Amministrazione, che trattano questi dati, dovranno adeguarsi alla normativa. In caso contrario, potranno essere comminate multe fino a 800.000 euro.

Il dato è che, tutto questo, offre una grande occasione di riscatto per l’Italia. L’economia del nostro Paese è, infatti, interoperabile digitalmente con la Pubblica Amministrazione e tanto più il digitale pubblico migliora il livello di qualità e sicurezza del codice software, tanto più ne giova il sistema economico nazionale.

Bisogna considerare che il nostro Paese è al terzo posto in Europa per capacità industriali, con contratti di lavoro standard di 40 ore settimanali contro le 37 tedesche e le 35 francesi, e che detiene ancora un alto risparmio pro capite e l’applicazione della normativa sulla sicurezza, così come definita dal Gdpr. Ciò consentirà di rafforzare l’Italia in termini di interoperabilità dei codici e delle informazioni. Visto quanto evidenziato, è inevitabile che nel breve termine il nostro Paese si troverà in vantaggio rispetto a Germania e Francia.

Le norme – come Gdpr, SA, Iso – hanno l’obiettivo di proteggere l’Europa dagli attacchi economici provenienti dagli altri Paesi. “Standardizzando” l’Europa, diminuisce il divario sulla qualità: si passa da una qualità soggettiva e suggestiva ad una oggettiva, misurata. Ecco quindi come l’Italia salirà di ranking, proprio grazie ad un minore costo del lavoro.

Oggi il Gdpr viene percepito come una minaccia, spettro di multe da capogiro, mentre quest’ultima tornata di norme rappresenta – come dicevamo all’inizio – una grande occasione per l’Italia, che sarà protagonista di un importante processo virtuoso in grado di riverberarsi rapidamente, per effetto domino, dalla Pubblica Amministrazione.

PER ULTERIORI INFORMAZIONI SULL’ARGOMENTO E PER CAPIRE COME ADEGUARE LA PROPRIA AZIENDA, NON ESITATE A CONTATTARE IL NOSTRO TEAM.

Commenti (0)

scrivi un commento

Commento
Nome E-mail Sito internet